Dopo un episodio di South Park sulla Cina, la Cina ha risposto cancellando tutta la serie

Mercoledì scorso South Park ha avuto un bel po’ di beghe con il governo cinese dopo la messa in onda dell’episodio “Band in China”, che illustrava come Hollywood si è piegato ai dettami della censura cinese. Ora, secondo l’Hollywood Reporter, il governo di Pechino ha confermato di non avere un gran senso dell’umorismo, eliminando tutti gli episodi della serie dall’internet cinese.

Nell’episodio, Randy Marsh si reca in Cina nella speranza di espandere il giro d’affari della sua azienda di coltivazione di marijuana. Finisce per essere detenuto in un campo di prigionia, dove incontra altri personaggi dei cartoni animati Marvel e Disney come Winnie the Pooh (il cameo di Pooh è un riferimento all’attuale censura del governo cinese sulle immagini dai social media che contengono i personaggi di Winnie-the-Pooh iniziata nel 2017, dopo che l’orso di pezza amante del miele era stato paragonato al presidente Xi in diversi meme). Nel frattempo, i personaggi di South Park rimasti a casa si trovano costretti a montare, smontare e rimontare un film sulla loro nuova band metal per adattarlo agli standard cinesi.

L’episodio è giunto in un momento in cui la censura cinese e la crescente tensione delle proteste a Hong Kong hanno reso più complesso per l’industria dell’intrattenimento americana, come la Disney, barcamenarsi tra le regole della regione. Il remake di Mulan della Disney, per esempio, è stato al centro di un’aspra polemica ad agosto, quando l’attrice protagonista Crystal Liu Yifei ha pubblicato una dichiarazione a sostegno dell’esercito di Hong Kong su Weibo (il Twitter cinese).

Dopo che una campagna sui social media ha richiesto il boicottaggio del film, il governo cinese ha lanciato una contro-campagna a sostegno del film, definendolo un simbolo filo-cinese a supporto del governo. E proprio questo fine settimana, dopo che il direttore generale degli Houston Rockets Daryl Morey ha postato un tweet in supporto dei manifestanti di Hong Kong, l’NBA ha porto le proprie scuse ufficiali al governo, dal momento in cui sembrava che la Cina avrebbe smesso di trasmettere le partite degli Houston Rockets.

Non possiamo sapere se questo atteggiamento basterà a impedire ad artisti e celebrità di appoggiare le proteste contro il governo di Pechino. Ma di sicuro sta attirando sempre maggiore attenzione sulle questioni censorie che da così tanto tempo sono oggetto di discussione nei media cinesi.

In ogni caso, in tutto questo marasma, i creatori dello show Comedy Central Trey Parker e Matt Stone hanno risposto alla censura della Cina in pieno stile South Park, scrivendo delle “scuse” estremamente ironiche e pubblicando l’intero episodio online gratuitamente in America.

“Anche noi amiamo i soldi più della libertà e della democrazia”, ha scritto il duo. “Lunga vita al Grande Partito Comunista Cinese! Possa il raccolto di sorgo di questo autunno essere abbondante! Siamo bravi ora in Cina?”

Fonte: Vice.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *